Memorie di una ragazza perbene

Quel giorno, dopo la scuola, mi andava di starmene un po’ in giro per i fatti miei e così ero arrivata fino alla libreria del centro. Dopo varie peregrinazioni sconsolate tra gli scaffali, avevo optato per un paio di letture filosofiche: il Candido di Voltaire e le Memorie di una ragazza perbene di Simone de Beauvoir, intravisto e considerato più volte, ma forse allora era il momento giusto, il suo momento (ogni libro ha un suo momento per essere letto…).           

Le Memorie della Beauvoir mi riportano al primo anno di liceo, quando il professore di religione, don Angelo, aveva aperto l’anno scolastico con un argomento da lui intitolato “L’avventura spirituale di Simone de Beauvoir”. Noi, dietro i banchi, avevamo solo quattordici anni e lui era troppo per dei ragazzini acerbi, decisamente troppo. Non potevamo capire nulla della profondità del suo pensiero, né di quello di Simone, la ragazza meravigliosa della quale lui ci parlava per un’ora intera, con gli occhi che brillavano.

All’università ho poi scoperto con stupore la vicinanza della Beauvoir a Sartre e all’esistenzialismo ed ho rimpianto la possibilità, ormai svanita, di prendere quello che don Angelo avrebbe potuto darmi. Non ricordo che ci avesse mai parlato di qualcosa di cattolico o di strettamente religioso. Ci dettava i suoi versi, di una cantica che stava scrivendo da tempo e di cui noi non capivamo nulla e lo prendevamo in giro.

Una volta invece ci aveva raccontato del suo coinvolgimento in un’indagine di polizia. Nel mio paese si era verificata un paio d’anni prima una morte sospetta, che stava per essere archiviata come suicidio. Don Angelo aveva ricevuto la confessione dell’omicida e così andò dai carabinieri dicendo di continuare ad indagare, perché non si trattava di suicidio. Ricordo di non avere pensato che avesse tradito il segreto della confessione, in fondo non aveva detto il nome del colpevole. Aveva invece lavorato a favore della verità. E della giustizia.

Ora che ho letto le Memorie di Simone, pur non ricordando quasi nulla di quelle lezioni ormai dissolte, credo di avere intuito perché don Angelo ci avesse proposto la sua figura come prima questione da cui aprire un varco, da cui gettare lo scandaglio: Simone era alla ricerca della Verità. Nonostante l’educazione cattolica ricevuta e con la sincerità della sua ricerca di fede, Simone sarebbe diventata atea a quattordici anni, l’età che avevamo noi in prima liceo.

Un sacerdote che apre le sue lezioni di religione, rivolte a studenti ancora in erba, con l’avventura spirituale di una ragazzina diventata atea: non riesco a immaginare una proposta di ricerca più libera e sincera…

Annunci

17 commenti

Archiviato in Pensieri

17 risposte a “Memorie di una ragazza perbene

  1. Un sacerdote illuminato, una di quelle persone di cui, come dici tu, si comprende in ritardo di non aver saputo approfittare appieno…

  2. A volte a scuola si incontrano libri e storie e si è davvero troppo giovani per capirne l’importanza, poi anni dopo tutto riaffiora e assume un senso diverso, è vero? Un baicone cara Tiptoe!

  3. ecco… e poi come prosegue? Perché fin qui mi ci ritrovo.. e poi? cercherò su wikipedia

  4. Anche a me è capitato di ritrovare, e questa volta voler approfondire con passione, argomenti scolastici che, ai tempi, avevo trovato noiosi e privi di significato, però, penso che la stilla è comunque stata messa e, in una piccola parte del nostro cervello o del nostro cuore, è rimasta li per anni per poi germogliare. Simone, in questo caso, mi è sempre piaciuta molto e scusami se forse esco fuori tema lasciandomi un pò andare e dicendoti che questo tuo articolo, mi ha involontariamente (e anche un pò volontariamente) rammentato Parigi, la sua atmosfera, la sua beltà…. e quella lapide, a Montparnasse, così vicina a quella di Sartre, così attaccata. Loro, insieme tra tanti come ad esistere ancora. Ed esistono ancora. Calcolando più o meno le età, Simone era mancata da poco quando noi si aveva 14 anni e probabilmente Don Angelo voleva ricordarla con qualcuno e a scelto voi. Hai scritto un post meraviglioso e non è retorica. Un abbraccio Tiptoe.

    • Ma cavoli, pure Simone!! Ma non è possibile! Ho letto ora che è morta nel 1986; io il liceo lo iniziai nel ’92 e in effetti non era passato molto tempo. Quindi tu sei stata al Pere Lachase o come cavolo si scrive… che bello!!
      Hai fatto una visitina anche a Chopin?
      Tolgo la crostata dal forno e vado a nanna. Sogni…

      • Si esatto, 1986 anno della morte. No, non sono stata al Pere Lachaise, Simone si trova al Montparnasse, al di qua della Senna, insieme a Sartre e Baudelaire e altri.

  5. Ciao, quali libri di solito proponi ai tuoi alunni?
    Rifiutano sempre l’offerta o in alcuni casi sei riuscita a coinvolgerli?

    • Allora… in questi anni ho fatto proposte diverse, essendo passata dal liceo alle medie e poi di nuovo al liceo. I maggiori successi li ho avuti da “Nel mare ci sono i coccodrilli” (terza media), “Storia di Iqbal” (prima media), “La favola di Amore e Psiche” (prima linguistico), “Il sergente nella neve” (prima artistico). Per il resto ci sono stati singoli studenti che hanno apprezzato le “Cosmicomiche”, “La luna e i falò”, “Se una notte d’inverno un viaggiatore”, “Il barone rampante”, “Fahrenheit 451”. Come vedi l’indice di gradimento diminuisce in modo inversamente proporzionale all’età: le quinte che ho avuto non hanno manifestato un interesse particolare per qualcosa, a parte alcuni ragazzi. Insegnante anche tu? Dove?
      Grazie della visita e torna quando vuoi…

  6. Te lo invidio il tuo don Angelo. Un uomo che apre le menti a dispetto del suo abito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...