Sguardi dall’infanzia 12: l’uovo di Pasqua.

Quando ero piccola per Pasqua ricevevo un solo uovo. Non mi sembrava poco, e non mi sembrava neanche strano: visto che si chiamava “uovo” di Pasqua, al singolare, era normale, anzi ovvio, che fosse uno e non di più. I miei compagni di classe, invece, ne ricevevano ben più di uno e magari anche di quelli giganteschi, di qualche chilo, mentre il mio sarà pesato un paio d’etti a dir tanto. La cosa non mi infastidiva, non li invidiavo per questo; mi sembrava solo molto strano…

La prima sorpresa che ricordo di aver trovato (e che naturalmente ho ancora, nella mia scatola dei ricordi di bambina) era una lente d’ingrandimento, con cui negli anni a venire avrei giocato tantissimo. La più bella, invece, la trovai che avevo già diciassette anni, nell’uovo regalatomi dalla mamma del mio fidanzato di allora: una borsettina minuscola, gialla, di plastica, che si chiudeva con un bel sole di legno. La cosa più bella è che io quella borsetta la usavo davvero, e ci ho passato intere estati, durante le quali uscivo giusto con le chiavi di casa e “il soldo” per il gelato (o la birra a seconda dei casi, ma questo è un post sull’infanzia e la birra è meglio lasciarla tra parentesi)

Gli anni migliori, però, sono stati quelli dominati dalla Kinder. Sebbene adorassi come una divinità il cioccolato fondente, anche il cioccolato Kinder non mi dispiaceva, grazie a quel rivestimento interno di cioccolato bianco che mitigava e correggeva il sapore di quello al latte (il latte nel cioccolato è un po’ come l’acqua nel vino: un’eresia). L’uovo di Pasqua Kinder era diventato tanto desiderabile da attenderlo per tutto l’anno, quando la produzione aveva iniziato ad impacchettarlo non con i soliti carta e fiocco, ma in scatole di cartone. Sugli scaffali del supermercato stavano allineate tutte le uova di cioccolato, distinguibili solo per il colore della carta; e tra queste spiccavano (o si nascondevano, visto che non sembravano tali) le uova Kinder. Ma perché io volevo quell’uovo? Perché volevo la scatola. La scatola era a forma di casetta, o di castello, o ancora di camper. Io volevo quell’uovo per avere la scatola. A Pasqua, finito il pranzo, quando tutti i miei cari compagni di scuola stavano probabilmente attendendo di scartare e rompere l’uovo per trovare la sorpresa, io cercavo di togliere l’uovo dalla confezione senza romperla, perché poi avrei aggiunto la nuova casetta a quelle degli anni precedenti, andando ad ingrandire il mio piccolo villaggio.

Purtroppo non ho conservato nessuna di quelle scatole magiche; forse, con gli anni, si saranno anche rovinate e saranno state gettate via. Conservo però tantissimi ricordi dei pomeriggi passati a giocarci, soprattutto con i puffi, anzi: con le puffette, visto che, da piccola femminista, mi facevo regalare solo puffette. La mia prediletta era la scatola a forma di camper, nella quale abitavano le mie puffette preferite, quella vestita da indiana e quella che faceva ginnastica.

Ieri sera ho raccontato questa storia ai miei nipotini, uno dei quali quest’anno, invece dell’uovo di Pasqua, riceverà un videogioco o qualcosa di simile. Sentirglielo dire ‒ e con entusiasmo, per giunta ‒ mi è sembrata una cosa molto triste, lontanissima dalla poesia e dal piccolo universo che io riuscivo a creare con una semplice scatola di cartone.

Buona Pasqua a tutti.

Creazione del mio papà.

Creazione del mio papà.

Annunci

10 commenti

Archiviato in Ritorni

10 risposte a “Sguardi dall’infanzia 12: l’uovo di Pasqua.

  1. Che meraviglia la casetta per i coniglietti del tuo papà! E che bei ricordi…
    Io non rammento molte uova: era considerato un lusso a casa nostra di quei tempi ma uno sì che lo ricordo. Me lo regalò un amico di famiglia in visita e non so dirti neppure che sorpresa contenesse perché io rimasi affascinata dall’involucro: un foulard rosa e verde con cui giocai per anni e che mi sembrava la quintessenza dell’eleganza 🙂 auguri!

  2. Che splendore quella casetta, che bravo tuo papà! E che tenerezza i tuoi ricordi d’infanzia Tiptoe, me le ricordo anch’io quelle casette di cartone, rendevano tutto più magico!
    Un bacione e tanti auguri a te cara!

    • Belle, vero? Poi c’erano anche degli animaletti che contenevano degli ovetti (sempre Kinder) piccolissimi e la mamma mi prendeva sempre anche uno (uno solo, of course) di quelli. Ci giocavo quando facevo il bagno.
      Buona Pasquetta (di pioggia, purtroppo…).
      PS: ieri ho rotto l’uovo col pugnetto.

  3. La casetta con i coniglietti è deliziosa! 😀
    Io ricordo che nel mio primo uovo trovai un microscopio, e fu uno dei regali più belli che abbia mai avuto: analizzai subito un fiore di mimosa e il mio stesso dito… funzionava davvero! Era verde militare e, seppur piccolino, andava alla grandissima. 😉

  4. ..io non ricordo molto sulle uova di pasqua… so solo che la sorpresa era un mistero che generava la mia curiosità totale!!! ma forse ai miei tempi il kinder non c’era nemmeno… mah!

  5. …ps: mi piace la tag “puffi”, io, mia sorella e un’amica avevamo fondato un “club dei puffi”, eravamo fuori di testa per quegli omini blu!!!

    • Coi puffi ho giocato un sacco e – manco a dirlo – me li sono portata tutti qua con me nella nuova casa e nella nuova vita.
      Ci giocavo anche nella vasca da bagno e ora sono tutti un po’ sbiaditi, poverini… hanno i nasini tutti bianchi! 😦 Ma sono belli lo stesso.
      Buona serata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...