Quel mondo di carta

Lo so che i libri sono fatti di carta e che la carta si ricava dagli alberi e che ogni libro corrisponde ad un albero caduto e che ogni pagina ad un ramo spezzato. So anche che, al contrario, i modernissimi e-book rispettano l’ambiente, forse addirittura lo amano, l’ambiente. Infatti non occupano spazio, non sottraggono lo spazio, e pertanto nemmeno l’ossigeno, che serve a noi e persino agli alberi. So inoltre che costano meno, gli e-book, e che se vuoi che ti seguano in vacanza non devi scervellarti a scegliere, litigare con te stessa, perché in un e-reader se ne ammucchiano più di cento. So, infine, che, oltretutto, oltre tutto quello che ho già detto, oltre tutti i vantaggi che ho già elencato, gli e-book si adeguano persino alle tue capacità visive, o alle tue peculiarità visive, aumentando o diminuendo, avvicinando o allontanando, illuminando o spegnendo…

Però, ma, in ogni caso, comunque sia… la sensazione della carta che scivola tra le dita, l’odore della carta sotto il naso mentre leggi, la leggerezza della pagina e la sua ruvidezza, oltre all’immagine tutta-righe dei bordi colorati sugli scaffali tutti in fila, che scorrono veloci sotto gli occhi anche quando non leggi ma sai che sono lì, a proteggerti, pronti a tenerti compagnia, a salvarti dalla solitudine ontologica che ti abita dentro. L’evidenza delle parole che si materializzano in caratteri concreti, stampati, fatti di materia liquida essiccata su altra materia solida ma leggera. La realtà delle parole che escono dalla tua mente e le vedi di fronte a te, fuori da te, staccate, come se prendessero vita, come se finalmente coincidessero con le cose, fossero le cose che solamente denotano. E intanto, mentre ti allontani da te stessa, dal tuo mondo ‒ triviale, volgare, anarchico ‒ quel mondo più bello, più accettabile, più normale che stai cercando, all’improvviso esiste e ti circonda. Quel mondo che sparisce quando chiudi l’oggetto libro, ma riappare subito appena lo riapri. Quel mondo che incomincia ad esistere molto tempo prima, quando inizi ad aggirarti tra gli scaffali con aria sognante…

Quel mondo di carta ‒ di righe orizzontali, direbbe Calvino ‒ è il mio altrove più bello; e l’illusione di poterlo tenere tra le mani, sentendone tutto il peso leggerissimo, è il solo mondo in cui, a volte, esisto davvero.

Annunci

8 commenti

Archiviato in Pensieri

8 risposte a “Quel mondo di carta

  1. Non si potevano usare parole migliori per quel mondo di carta che racchiude i nostri sogni, le speranze e le emozioni…un post che sento molto mio, la penso proprio come te!
    Un abbraccio, buon sabato e buona lettura 🙂

  2. Sembrerà strano -perché sono una fortissima utilizzatrice del lettore elettronico- ma sono d’accordo. Il libro ha un fascino che il lettore non ha ma… per una serie di motivi, primo fra tutti la necessità di leggere comodamente di notte senza disturbare chi mi dorme vicino ho abdicato quasi all’ottanta per cento. Le mie tasche ringraziano perché la voce “libri” era diventata insostenibile coi miei ritmi di lettura. Ne acquisto ancora ma almeno non vado in rovina 😉 un abbraccio e buon we!

    • In effetti tu hai dei ritmi di lettura decisamente vertiginosi. E comunque un po’ ti capisco, io ci dormo di fianco ad uno che non si addormenta se non legge… e per fortuna (mia e della nostra economia domestica) ha il suo lettore. Noi però restiamo romantiche.
      Buon avanzo di domenica…

  3. Eccomi finalmente di nuovo in questo tuo bellissimo di carta e non. Sono proprio felice di essere qui a leggere cose che sembrano scritte da una scrittrice. Davvero Tiptoe, sei bravissima, e non lo dico tanto per dire. Per rispondere a questo tuo post però posso dire che le vibrazioni che ti da la carta sono sensazionali e adoro anche i libri vecchi e usati. Non c’è paragone con la tecnologia anche se ha le sue comodità, in fatto di sensazioni. Un bacione grande.

  4. Pingback: Lovely Book Award 2014 by Liù | tiptoe to my room

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...