Sotto il pergolato

1Casa8

Se qualcuno dei lettori vuole provare a immaginarmi, sappia che scrivo da un terrazzo fiorito. Sembra di stare in un quadro del primo Boccioni: Sotto il pergolato a Napoli. Io non sono a Napoli, però sono a Ravello: Costiera Amalfitana. Con il mio compagno ho affittato un ritaglio di casa nel cuore del borgo, tra corti, cortili e giardini fioriti. Gli odori dei limoni e i suoni della parlata campana si mescolano ai riflessi della luce. Soffia una brezza leggera che l’afa della città mi aveva fatto dimenticare. I turisti si aggirano per i vicoli coi loro cappelli di paglia sulla testa. Questo è un luogo per stranieri, di solito.

Scoperto nel corso dell’Ottocento insieme agli altri paesini della Costiera, Ravello deve la sua fama soprattutto all’arte e alla musica. Qui hanno soggiornato, nel corso dei secoli, personaggi famosi di ogni sorta. I più noti, ricordati in tanti nomi di strade, negozi e palazzi, sono Giovanni Boccaccio e Richard Wagner. Boccaccio ha parlato della bellezza della divina costiera e di Ravello in particolare nell’introduzione al suo Decameron e nella quarta novella della seconda giornata, protagonista Landolfo Rufolo. I Rufolo sono stati una delle famiglie illustri della città ed hanno lasciato una villa imperdibile che ne porta il nome. Proprio qui si incastra la storia dell’altro illustrissimo ospite di Ravello, niente meno che il compositore tedesco Richard Wagner. Innamorato dell’incanto e del fascino del luogo, trovò ispirazione per la scenografia del giardino di Klingsor del suo Parsifal. Ogni anno il “Ravello Festival” – manifestazione musicale un po’ troppo “in” per i miei gusti ma  meritevole di segnalazione – celebra la musica con il concerto all’alba: dalle 4:30 del mattino musica classica nella cornice della villa, attendendo il sorgere del sole sul mare…

Girando tra i vicoli non sono rare le soste per leggere lapidi che ricordano gli altri innumerevoli ospiti del borgo. Ieri mi sono imbattuta nella casa in cui soggiornò a lungo David Herbert Lawrence scrivendo L’amante di lady Chatterly, il suo romanzo più noto. Nel pomeriggio ho fatto il primo giro di perlustrazione: gelato (d’obbligo), vicoli con botteghe tutte carissime, scorci. I colori delle ceramiche vietresi sorprendono ad ogni angolo: nascosti in piccole nicchie, o esibiti in piastrelle e mosaici sulle facciate e le pareti delle case. 1Casa11 Volevo visitare anche la prima chiesa, che ammiro dall’altro terrazzo di casa: S. Maria a Gradillo, in tipico stile romanico campano, con elementi arabi e bizantineggianti. Purtroppo c’era un matrimonio… della solita “barbie” americana che sceglie di sposarsi in Italia. Un giro per le stradine “tutte scale” intorno alla Villa Rufolo mi  ha ripagata della delusione chiudendo il pomeriggio nel modo migliore: con lui. Perché finalmente anche lui è entrato a tutti gli effetti nella vacanza, nel panorama della mia vacanza. Lui con il suo azzurro e la sua pace infinita… il mare. Bellissimo scoprirlo dietro una curva tra le mura della villa e le torri circolari di un’altra chiesa dalla veste bizantina: la SS. Annunziata.

3Rufolo42

Cala la sera. Le case, le strade e i monumenti iniziano ad accendersi di tanti, minuscoli puntini luminosi. Il tramonto qui, tra la cornice dei Monti Lattari, arriva presto e il sole, salutando col suo inchino, finalmente ci concede un po’ di tregua.

9sera1

Annunci

4 commenti

Archiviato in Cartoline

4 risposte a “Sotto il pergolato

  1. Scorci magnifici! Ne avevo sentito parlare e merita davvero una vacanza 🙂

  2. Che bello Tiptoe, un vero angolo di paradiso!
    Sai, i miei genitori hanno fatto il viaggio di nozze sulla costiera amalfitana e mia mamma ricorda sempre Ravello con nostalgia…che incanto!
    Un abbraccio cara!

    • Che bello quando i viaggi di nozze si facevano in Italia, senza il bisogno di andare in capo al mondo per cercare la bellezza.
      Ravello è davvero splendida; ma anche il contorno non è male!
      Buona mattinata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...