Sguardi dall’infanzia 1: venerdì di magro.

Quando ero piccola odiavo il catechismo e soprattutto odiavo la mia catechista, che probabilmente odiava me e le mie cotolette alla milanese del venerdì. All’oratorio non ci andavo quasi mai e se ci andavo mi trovavo perfettamente a disagio. Attendevo solo di fare la cresima per finire quel tormento settimanale e gratuito.

In quinta elementare il giorno del catechismo cadeva di venerdì e prima di iniziare la lezione la catechista ci chiedeva sempre cos’avessimo mangiato a pranzo. Le altre bambine (tutte brave cristiane, figlie di catechiste o di quelle che non c’hanno niente da fare e vanno a pulire la chiesa) rispondevano: “La sogliola”, oppure: “Il merluzzo”, o infine: “Io ho mangiato solo un po’ di formaggio”. Io e la mia amica Chiara (figlie probabilmente del demonio perché i nostri genitori in chiesa non si vedevano mai), anche se magari avevamo mangiato il pesce, dicevamo di esserci trangugiate una bella fetta d’arrosto o una cotoletta tutta impanata per bene. La catechista ci guardava con grande disappunto e ci diceva che il venerdì si mangia di magro, dovevamo dirlo alle nostre mamme… Io una volta alla mamma ho chiesto: “Mamma, qual è la cosa più grassa che si possa mangiare?” e lei mi ha risposto: “La trippa”. La settimana seguente al catechismo, alla fatidica domanda di cucina, ho risposto “la trippa”. La catechista è inorridita, ci mancava poco che tirasse fuori una croce e dell’aglio per farmi l’esorcismo. La mia amica Chiara mi ha dato man forte (anche per non sentirsi da meno di me) ed ha detto che a pranzo la sua mamma aveva preparato lo stinco di maiale al forno. La catechista non ha detto più nulla e, alzando gli occhi al cielo per invocare pietà non per noi ma di sicuro per lei, ha iniziato la lezione.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Ritorni

5 risposte a “Sguardi dall’infanzia 1: venerdì di magro.

  1. Pingback: Sguardi dall’infanzia 9: il denaro. | tiptoe to my room

  2. laura

    🙂 molto bene! (alla bambina che ebbe l’idea di ingannare la catechista per il puro gusto di renderla ridicola).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...