Matrioska

Kobayashi, Matrioska Invaders.

Kobayashi, Matrioska Invaders.

Da bambina ho sempre desiderato la matrioska. Quando con mamma e papà andavamo a casa di amici di famiglia e c’era la matrioska, io li invidiavo tanto. Ho provato a chiederla qualke volta la matrioska ai miei genitori, era così bella… allegra e misteriosa allo stesso tempo: con quel sorriso imperscrutabile e il suo colore rosso vivo.  Loro però non ne volevano sapere ed io non capivo bene perché… All’inizio pensavo fosse una strana presa di posizione nei confronti di quell’oggetto esotico. Poi mi sono risolta, come al solito, a supporre che fosse troppo costosa, una roba solo per ricchi. Allora decisi che da grande l’avrei comprata, a qualunque prezzo.

Oggi sono grande ed ho due matrioska e nessuna delle due è rossa come le solite matrioske dei ricchi. Una, la prima ad avermi raggiunta dalla lontana Praga – la città magica, la città d’oro, quella di Kafka e Jan Neruda – è azzurra e l’ha scelta una ragazza praghese. L’altra, più piccola, è blu e arriva da San Pietroburgo, altra città letteraria che mi attira da sempre. Sono gli unici due soprammobili che ho accolto in casa mia. Chissà se di notte si animano  come credevo da bambina…

Annunci

3 commenti

Archiviato in Ritorni

3 risposte a “Matrioska

  1. Eccolo! Ma come ho fatto a perdere questo post? Hai rimediato, tu ne hai ben due… che dolcezza i tuoi ricordi e le tue impressioni di bimba!
    Un bacione cara, buona giornata!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...