Una stella

M. Chagall, Il circo blu, 1950-52 (part.). Olio su tela, Parigi, Centre Pompidou.

M. Chagall, Il circo blu, 1950-52 (part.). Olio su tela, Parigi, Centre Pompidou.

Diceva De Andrè a proposito della sua Nancy: “Credo sia giusto tradurre quando non si ha da dire di proprio. È molto più semplice e si raggiungono due risultati: dimostrarsi umili […] e divulgare la poesia di un cantautore che si esprime in un’altra lingua”.

In realtà di cose da dire ne avrei, ne sono piena, quasi straripo. Ma questo periodo di lavoro ingrato, di febbri che vanno e vengono… mi toglie le parole. Allora ritorno umile e, come ho fatto altre volte, trascrivo qualcosa che vorrei che tutti conoscessero. A questo pensiero, scovato per caso anni fa sul bellissimo sito letterario www.compagnosegreto.it, sono molto affezionata. Ho immaginato mille volte di proporlo come tema ai miei alunni, ma non ne ho mai avuto l’occasione. In attesa di poterlo fare, lo lascio nella “stanzetta” del mio blog…

Io non voglio evolvermi in un dato modo, voglio passare a un altro posto che è in verità quel “voler andare su una stella”, mi piacerebbe stare vicino a me, mi basterebbe poter considerare come un posto diverso il posto dove sto.

(F. Kafka, Diari, 1922)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Atopos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...